RIFUGIATI: dall’EUROPA per parlare di accoglienza - Comune di Felino

archivio notizie - Comune di Felino

RIFUGIATI: dall’EUROPA per parlare di accoglienza

RIFUGIATI: dall’EUROPA per parlare di accoglienza

Migliorare la conoscenza dei progetti di accoglienza e integrazione per i rifugiati messi in campo da altri Paesi europei, promuovere e adottare le “best practice” a livello locale e coinvolgere maggiormente i cittadini sulla più grande migrazione nella storia dell’umanità.

 

Questi gli obiettivi del progetto “WIR” (Welcome and Integration for Refugees in Europe) del programma “Europe for Citizens” promosso attraverso l’organizzazione internazionale SERN. Un progetto sul quale per tre giorni (dal 7 al 9 novembre), a Monticelli Terme si sono confrontati i rappresentanti di istituzioni, università, associazioni e Ong provenienti da Svezia, Finlandia, Lettonia, Germania, Austria, Spagna e Italia. E a rappresentare il Bel Paese, insieme al Comune di Ravenna, c'era anche l’Unione Pedemontana Parmense, attraverso Pedemontana Sociale, l’azienda che si occupa dei Servizi alla persona.

A dare il benvenuto alla delegazione, nel pomeriggio di martedì 7 novembre nella sala congressi dell’Hotel delle Rose, è stata la presidente dell’Unione Pedemontana Parmense, nonché sindaco di Felino, Elisa Leoni: «Il tema dell’immigrazione qui in Italia è un tema molto caldo, sia dal punto di vista politico, sia da quello sociale – ha sottolineato –. L’idea di mettere a confronto le esperienze di vari Paesi e conoscere come affrontano questo fenomeno mi piace molto. Nei comuni dell’Unione, ad esempio, ci sono esperienze di accoglienza diverse. A Sala Baganza c’è una tradizione ormai trentennale, mentre il comune di Felino è stato l’ultimo, circa due mesi fa, a dare ospitalità ai rifugiati».

 

All’ordine del giorno del meeting tre sessioni. La prima è stata dedicata alla presentazione dei vari progetti di accoglienza e ha visto la partecipazione di Emiliano Pavarani di Pedemontana Sociale. Presenti anche il sindaco di Collecchio, Paolo Bianchi, e il consigliere dell’Unione Norberto Vignali, rappresentante dell’Unione nel board di SERN. I lavori sono poi proseguiti con la definizione del progetto, gli obiettivi e le questioni economico-finanziarie e con una sessione dedicata alla comunicazione, oltre a un workshop con le associazioni che si occupano di accoglienza.


Pubblicato il 
Aggiornato il