Open      
motore di ricerca

Nidi di Processionaria del pino a Felino: occorre rimuoverli

Nidi di Processionaria del pino a Felino: occorre rimuoverli

Diversi nidi di Processionaria del pino Traumatocampa (Thaumetopoea) pityocampa sono stati avvistati dal Servizio Ambiente a Felino. Considerato che il bruco di processionaria può provocare gravi reazioni allergiche e infiammatorie nell’uomo e negli animali (irritazioni cutanee e oculari, eritemi alle mucose e alle vie respiratorie) e che tali manifestazioni possono verificarsi anche senza il contatto con il corpo dei bruchi (i peli urticanti possono staccarsi ed essere trasportati dal vento), risulta opportuno intervenire con l’asportazione e l’immediata distruzione delle tele dei nidi prima che le larve mature li abbandonino per raggiungere la base delle piante.

Anche in base alle indicazioni del Servizio Fitosanitario, si ritiene quindi necessario adottare provvedimenti tempestivi contro lo sviluppo la diffusione di questi infestanti, con riguardo particolare ali interventi da eseguirsi con l’approssimarsi della stagione primaverile, visto che quando la temperatura diventa più mite le larve compiono l’ultima muta e si preparano a cercare un luogo dove incrisalidarsi dando origine alle tipiche processioni.

Allo scopo il Comune di Felino ha emesso l'Ordinanza n° 17 del 11/02/2019 con la quale ORDINA:

1) ai proprietari o conduttori di aree verdi (giardini e parchi sia pubblici che privati) di effettuare IMMEDIATAMENTE tutte le opportune verifiche ed ispezioni sugli alberi posti a dimora nei terreni di loro pertinenza, al fine di accertare la presenza di nidi della Processionaria del Pino - Traumatocampa (Thaumetopea) pityocampa. Dette verifiche dovranno essere effettuate con maggiore attenzione sulle specie arboree soggette all’attacco del parassita: pino nero (Pinus nigra) in particolare, pino silvestre (Pinus silvestris), pino marittimo (Pinus pinaster), varie specie di cedro (Cedrus spp).


2) Qualora si riscontrasse la presenza dei nidi di Processionaria, i soggetti interessati dovranno IMMEDIATAMENTE intervenire con la rimozione e la distruzione degli stessi, adottando tutte le protezioni individuali indispensabili per evitare il contatto con i peli urticanti delle larve.

3) Ai proprietari o conduttori di aree forestali (rimboschimenti, boschi misti) di effettuare tutte le opportune verifiche ed ispezioni sugli alberi posti a dimora nei terreni di loro pertinenza, al fine di accertare la presenza di nidi della Processionaria del Pino - Traumatocampa (Thaumetopea) pityocampa.


4) Qualora si riscontrasse la presenza dei nidi di Processionaria, i soggetti interessati dovranno immediatamente mettersi in contatto con il Servizio Fitosanitario Regionale il quale prescriverà le modalità di intervento più opportune.

Si ricorda inoltre che:

  • le spese per gli interventi suddetti sono a totale carico dei proprietari o dei conduttori delle piante infestate
  • è fatto assoluto divieto di depositare e abbandonare i rami con i nidi di processionaria presso il Centro comunale di raccolta dei rifiuti e presso i contenitori per la raccolta stradale di sfalci e potature;
  • ai sensi dell’art. 7-bis “Sanzioni amministrative” del D. Lgs 267/2000 e smi, l’inottemperanza alle disposizioni in esso contenute prevede l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria variabile da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00;

ALLEGATI
Vademecum - PROCESSIONARIA DA PINO Informazioni utili per riconoscere la processionaria ed intervenire Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 610 Kb
Pubblicato il lunedì 11 febbraio 2019
Aggiornato il lunedì 11 febbraio 2019