Open      
motore di ricerca

Carta d'identità elettronica: prenotazioni online

Carta d'identità elettronica: prenotazioni online

Presso il Comune di Felino sta per essere attivato il servizio di rilascio della CIE, la nuova Carta di identità elettronica, che rappresenta l’evoluzione del documento di identità in versione cartacea e che andrà a sostituire completamente le carte d’identità cartacee. I documenti cartacei emessi fino ad oggi dal Comune di Felino ed attualmente in uso conservano la loro piena validità fino alla data di scadenza. La carta di identità elettronica andrà a sostituire del tutto quella cartacea, che per legge sarà rilasciata solo ai cittadini italiani residenti all’estero e per questo iscritti all’anagrafe AIRE. La nuova tessera munita di microchip sarà rilasciata a tutti i cittadini che richiederanno il documento di identità in caso di primo rilascio, rinnovo, deterioramento, smarrimento o furto.


Come richiedere la CIE al Comune di Felino

La carta d’identità elettronica va richiesta all’Ufficio Anagrafe, al piano terra del Municipio di Felino in piazza Miodini 1, su appuntamento telefonando ai numeri 0521 335913 oppure 0521 335918 dal lunedì al sabato ore 08,30 – 13,00. Gli appuntamenti sono disponibili nelle giornate di lunedì, martedì, venerdì e sabato dalle 08,30 alle 10,30. Sull sito del Comune di Felino è attivo il servizio online di prenotazione dell'appuntamento per la CIE nella sezione Servizioni online | Appuntamenti Carta Identità Elettronica

Quali documenti presentare

Per il rilascio della CIE non è necessaria la fototessera in quanto l’Ufficio Comunale è dotato di fotocamera per l’acquisizione della foto del richiedente ed il servizio è gratuito. Per il rilascio della carta d’identità elettronica occorre quindi presentare solo il documento d’identità precedente o la denuncia di smarrimento e la ricevuta di pagamento dei diritti di rilascio pari a 20 euro. Il pagamento può essere effettuato direttamente allo Sportello.
La fototessera dello stesso tipo di quelle usate per il passaporto è richiesta, invece, solo per i minori fino ad anni 8 o per coloro che desiderano utilizzare una propria fotografia.


Validità

La carta d’identità elettronica può essere rilasciata a partire da 0 anni e la sua validità cambia a seconda dell’età. Per i minori dagli 0 ai 3 anni, è valida 3 anni; per i minori dai 3 ai 17 anni è valida 5 anni mentre per i maggiorenni è valida 10 anni.


Tempi

L’Ufficio provvederà ad acquisire tutti i dati e la carta verrà poi consegnata all’indirizzo indicato dal richiedente dopo circa 6 giorni lavorativi oppure depositata in Municipio per essere poi ritirata dal richiedente. La CIE viene emessa infatti dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.


Novità

Il nuovo documento presenta molte nuove funzionalità: è valida per l’espatrio, riporta il codice fiscale e contiene le impronte digitali. Inoltre, permette di registrarsi ed accedere allo SPID, il sistema pubblico di identità digitale, per l’accesso on-line a molti servizi pubblici.

Al momento dell’acquisizione dei dati l’Ufficio Anagrafe consegna al cittadino la prima parte dei codici segreti PIN e PUK mentre la seconda parte dei codici vengono recapitati insieme alla carta. I codici servono appunto per accedere ai servizi online abilitati con SPID.

Il passaggio dal documento cartaceo alla CIE rientra nell’ambito di un progetto Ministeriale per l’attuazione dell’ANPR – Anagrafe Nazionale Popolazione Residente – e costituisce un passaggio fondamentale per l’agenda digitale, dal momento che avere un database a livello nazionale permetterà di superare il modello dell’autocertificazione accorciando ed automatizzando tutte le procedure relative ai dati anagrafici. Con ANPR le Amministrazioni potranno dialogare in maniera efficiente tra di loro avendo una fonte unica e certa per i dati dei cittadini.


Donazione organi e tessuti

Infine, va ricordato che, al momento della richiesta di emissione della CIE, le persone maggiorenni residenti nel Comune possono esprimere la propria volontà a donare organi e tessuti sottoscrivendo una specifica dichiarazione. Maggiori informazioni su questo tema verranno fornite dagli operatori dell’Anagrafe agli interessati.

Pubblicato il venerdì 19 ottobre 2018
Aggiornato il venerdì 7 dicembre 2018