Apertura della viabilità in via Bertani nel comparto CD51 - Comune di Felino

archivio notizie - Comune di Felino

Apertura della viabilità in via Bertani nel comparto CD51

Apertura della viabilità in via Bertani nel comparto CD51

Nell'ambito della convenzione, sottoscritta nel dicembre 2017, fra il Comune di Felino e la ditta FIN FOR S.R.L per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria del nuovo Comparto CD51 in località Casale di Felino, è stato recentemente completato il nuovo tratto di via Bertani che si collega alla strada provinciale 56 "Montanara". 

 

La convenzione dell'Amministrazione Comunale con il soggetto attuatore prevedeva, infatti, la realizzazione di una strada di lottizzazione che si raccorda con la viabilità esistente, con relativi marciapiedi e parcheggi pubblici e sistemazione a verde delle aree di contorno: tale strada è stata da poco completata e collaudata ed è ora aperta alla circolazione dei veicoli.

 

Con Ordinanza n°13 del 25 gennaio 2019, preso atto del collaudo della strada, il Comune ha infatti definito la circolazione dei veicoli nel nuovo tratto di via Bertani secondo le seguenti disposizioni: la circolazione all’interno dell’area sarà a senso unico di marcia dall’incrocio con la S.P. 56 direzione via Bertani, fino all’ingresso dei garage sotterranei mentre la parte finale che si raccorda con la viabilità esistente (via Bertani) sarà a doppio senso con una corsia per senso di marcia.

 

L'apertura del nuovo tratto di viabilità consentirà ai nuovi residenti del comparto di accedere alle abitazioni da poco ultimate e di raggiungere il quartiere di Casale, precedentemente accessibile solo da via Baganzone.

 

Oltre alla realizzazione del nuovo tratto di via Bertani, la convenzione prevede a carico del soggetto attuatore anche l'estendimento delle reti tecnologiche ed infrastrutturali di distribuzione energia elettrica, acqua potabile e gas, rete fognaria comprensiva di vasca sotterranea di laminazione delle acque meteoriche e sistemazione dell’area di pertinenza della vasca di raccolta delle acque reflue e la realizzazione dell’impianto di pubblica illuminazione.


 


 


Pubblicato il 
Aggiornato il