Open      
motore di ricerca

Rischio incendi: sfalciare le aree verdi

Rischio incendi: sfalciare le aree verdi

In considerazione del fatto che molti terreni e aree all’interno del perimetro urbano e/o immediatamente limitrofo versano in condizioni di incuria e abbandono, e che durante il periodo primaverile ed estivo si verifica la presenza di alte sterpaglie, infestanti che costituiscono un potenziale pericolo di incendio, nonché un ricettacolo di sporcizia, insetti e animali vari, con Ordinanza n° 33 del 29/04/2019 si ordina:

a tutti i soggetti proprietari, gestori, responsabili, conduttori o che comunque ne abbiano l’effettiva disponibilità di aree a verde, all’interno del perimetro urbano e immediatamente limitrofe ad esso, di osservare quanto indicato nell’art. 5 del regolamento del verde e in particolare a provvedere:

a sfalciare entro il 31 MAGGIO di ogni anno tutte le aree e a bonificare le stesse da arbusti infestanti, nonché a rimuovere materiali impropri;

mantenere le stesse costantemente pulite mediante taglio periodico dell’erba;

ad eseguire regolarmente la manutenzione di siepi e alberature in modo che i rami non escano dal limite di proprietà,

Si avverte inoltre che la responsabilità delle inadempienze alla presente ordinanza è attribuita a coloro che risultano avere titolo per disporre legittimamente del sito in cui le inadempienze saranno riscontrate e che l’inadempienza all’ordinanza comporta l’applicazione di sanzioni e cioè

- la sanzione amministrativa pecuniaria da €50,00 a €300,00 ai sensi del Regolamento del Verde, per mancato sfalcio e pulizia di aree

- la sanzione Amministrativa da €173,00 a €695,00 ai sensi dell’art. 29 del Codice della strada, oltre l’addebito delle spese necessarie a far effettuare, da parte di questo Comune e con mezzo meccanico, per mancata potatura delle piante e delle siepi, lasciando impregiudicato, qualora se ne ravvisi la fondatezza, l’esercizio dell’azione penale.

L’Amministrazione si riserverà ogni ulteriore atto che si renderà necessario a seguito degli ulteriori accertamenti che verrannodisposti.

Pubblicato il venerdì 3 maggio 2019
Aggiornato il venerdì 3 maggio 2019