NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE: Il 5 per mille del Comune destinato alle donne vittime di violenza - Comune di Felino

archivio notizie - Comune di Felino

NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE: Il 5 per mille del Comune destinato alle donne vittime di violenza

IL 5 PER MILLE A FAVORE DI UN PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALL’AUTONOMIA PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA. Così il Comune di Felino celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Previste anche altre iniziative.

 

 

In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, che ricorre il 25 novembre, il Comune di Felino ha scelto di destinare le somme raccolte con il 5 per mille all’Azienda Pedemontana Sociale per un progetto a sostegno di donne vittime di violenza. "In particolare, spiega il Sindaco di Felino Elisa Leoni, con i fondi del 5 per mille siamo intenzionati a sostenere un progetto di accompagnamento all’autonomia per un nucleo monogenitoriale attualmente in carico all’Azienda Pedemontana Sociale e ospitato nella casa di accoglienza. Grazie ai fondi disponibili, alla fine del percorso di sostegno che si svilupperà per circa un anno, la famiglia potrà recuperare la propria indipendenza e stabilirsi in un nuovo alloggio. I fondi del 5 per mille del Comune di Felino serviranno dunque per aiutare questa famiglia a ripartire con dignità”.

Oltre a questa progettualità, il Comune di Felino conferma anche l’intenzione di riprendere in mano progetti di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su questo tema. “Quest’anno – aggiunge l’Assessore alle Pari Opportunità Claudio Valla – non è stato possibile celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne con iniziative aperte al pubblico: contiamo però di poter recuperare questa occasione non appena l’emergenza epidemiologica lo consentirà. Nel frattempo, invitiamo i cittadini a sostenere le iniziative di solidarietà verso le donne vittime di violenza sia con la destinazione del 5 per mille dell’Irpef agli enti impegnati su questo fronte oppure con donazioni a favore di associazioni che sviluppano progetti seri e verificati di sostegno alle donne”.

 

Per onorare la ricorrenza del 25 novembre e ricordare a tutti i felinesi l’importanza di mantenere alta l’attenzione su questa piaga sociale, l’Amministrazione Comunale ha scelto di illuminare la sede municipale di rosa, colore simbolico della donna, fino all’inizio di dicembre. “Dall’inizio dell’anno ad oggi - aggiunge la Leoni -  il Centro Antiviolenza di Parma ha accolto ben 279 donne: queste cifre parlano chiaro! Si tratta di un’emergenza sociale sulla quale occorre impegnarsi non solo per difendere le donne vittime di violenza ma soprattutto per prevenire questi fenomeni, educando i giovani al rispetto e alla parità di genere”.

 

Infine, giovedì 3 Dicembre alle ore 18 è in programma una videoconferenza, promossa dai cinque comuni dell’Unione Pedemontana Parmense,   per mettere  fuoco la situazione attuale in tema di violenza contro le donne, anche alla luce dei problemi aggiunti dal Covid, e per illustrare le opportunità attualmente percorribili e i consigli pratici su come prevenire, reagire e gestire una situazione di violenza. La videoconferenza sarà aperta alla cittadinanza: oltre agli amministratori dei cinque comuni dell'Unione, alla videoconferenza parteciperanno la Presidente del Centro Antiviolenza di Parma Samuela Frigeri; Lia Russo, vicecomandante della stazione carabinieri di Monticelli e referente del Comando dei Carabinieri sul tema della violenza; Maria Antonia Moglia, assistente sociale e referente del Distretto Sud-Est per il progetto di prevenzione alla violenza; Laura Beltrami, ostetrica dell’AUSL di Parma.

 

 

 

Giornata internazione per l'eliminazione della violenza contro le donne
Il 25 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne: questa data è stata scelta per commemorare il barbaro assassinio delle sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, attiviste politiche che si opponevano alla dittatura di Rafael Truijllo, uccise dai suoi sicari il 25 novembre 1960. Nel 1999 l'assemblea generale delle Nazioni Unite decretò il 25 novembre Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne invitando governi, organizzazioni internazionali e ONG a organizzare in quel giorno attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più devastanti violazioni dei diritti umani ancora molto diffusa.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il