Autorizzazione all'affidamento delle ceneri - Comune di Felino

guida ai servizi - Comune di Felino

Autorizzazione all'affidamento delle ceneri

Autorizzazione all'affidamento delle ceneri

Responsabile del procedimento: Dott.ssa Renata Greco
  • Soggetto titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia

  • Titolare del potere sostitutivo: Dott.ssa Renata Greco
  • Telefono: 0521-335925
  • Fax: 0521-834661
  • Email: r.greco@comune.felino.pr.it
  • Modalità di attivazione del potere sostitutivo: Presentazione scritta del ricorso
  • Unità organizzativa responsabile dell’istruttoria: Polizia Mortuaria

  • Responsabile dell'ufficio: Dott.ssa Renata Greco
  • Telefono: 0521 335925
  • Email: r.greco@comune.felino.pr.it
  • Ufficio competente all'adozione del provvedimento finale: Polizia Mortuaria

  • Responsabile dell'ufficio: Dott.ssa Renata Greco
  • Telefono: 0521 335925
  • Email: r.greco@comune.felino.pr.it
Descrizione: Il Comune di Felino è competente ad autorizzare l’affidamento delle ceneri che saranno custodite nell’ambito del territorio comunale.
Nel registro affidamento ceneri tenuto dal responsabile di polizia mortuaria, sono individuate le identità dei familiari a cui sono state affidate le urne e le generalità di corrispondenti defunti e relative variazioni.
L’urna cineraria non può essere ceduta a persone differenti dall’affidatario o abbandonata o resa oggetto d'indebito utilizzo. L’affidatario e i suoi eredi hanno l’obbligo di consegnare l’urna al servizio cimiteriale che la prende in carico a tutti gli effetti e assicurare la sua conservazione all’interno del Cimitero con i modi previsti dalla normativa in vigore, nel caso in cui non si intendesse o non si potesse conservale ulteriormente. Qualora gli eredi dell’affidatario intendessero proseguire l’affidamento, dovranno segnalare al servizio cimiteriale in forma scritta la propria volontà, indicando il nome del nuovo affidatario unico e il luogo di conservazione. L’affidatario ha l’obbligo di comunicare preventivamente l’eventuale nuovo luogo di conservazione nel caso in cui si rendesse necessario mutare quello originario. Il nuovo luogo dovrà avere le medesime caratteristiche del precedente.
In caso di spostamento di residenza fuori del territorio comunale l’affidatario dovrà comunicare la conservazione delle ceneri al Comune di residenza. Chi avesse ottenuto in affidamento urne cinerarie da altro Comune dovrà comunicare ai servizi cimiteriali del Comune di Felino tale condizione all’atto di ottenimento della residenza
Chi può richiederlo: La domanda deve essere presentata dal coniuge e dal parente più prossimo del defunto individuato ai sensi dell’art. 74 e seguenti del c.c. in possesso di un documento d’identità, che, in mancanza di disposizione testamentaria deve dichiarare la volontà del defunto.
Nel caso vi siano più parenti dello stesso grado da tutti gli stessi.
A chi è destinato: Coniugi e parenti stretti del defunto
Modalità di Attivazione: A istanza di parte
Modalità recupero informazioni propri procedimenti in corso: Domanda all'ufficio di competenza
Come si richiede : Per ottenere l’autorizzazione all’affidamento dell’urna il familiare avente titolo deve inoltrare richiesta scritta.

Tempi del procedimento: 30 gg
Documentazione rilasciata: Provvedimento concessorio o comunicazione di esito negativo
Validità documentazione rilasciata: senza scadenza
Spese a carico dell'utente: La domanda e la conseguente autorizzazione devono essere corredate da marche da bollo (n. 2 marche) per un totale di Euro 32,00.
Modalità per l'effettuazione dei pagamenti acquisto marche da bollo presso rivenditore / richiesta bollo virtuale
Dove rivolgersi: Ufficio Anagrafe e Stato Civile - Polizia Mortuaria Comune di Felino piazza Miodini 1 (piano terra) tel. 0521 335912-14-18 lun,mart,ven ore 10.30 - 12.30 merc, giov,sab ore 8,30-12,30
Come si raggiunge: Municipio di Felino piazza Miodini 1 - 43035 Felino (PR) piano terra
Documenti da presentare: L’autorizzazione all’affidamento conterrà le seguenti indicazioni e prescrizioni: 1. Il nome dell’affidatario unico, o indicato in vita dal defunto o espresso dalla famiglia tenuto conto dei criteri 2. Il luogo di conservazione presso l’abitazione corrispondente a residenza o domicilio (con indicazione dello stesso) o in altro luogo chiuso di proprietà o di chi vi abbia la piena disponibilità individuata. In ogni caso il luogo di conservazione deve caratterizzarsi per stabilità e protezione contro ogni profanazione. L’affidatario dovrà dichiarare di non alienare e non manomettere i sigilli dell’urna e i dati anagrafici del defunto riportati sulla medesima; l’inesistenza d'impedimenti alla consegna derivanti da vincoli fissati dall’Autorità giudiziaria e di pubblica sicurezza o derivanti da ragioni di carattere igienico-sanitario; di garantire l’accesso ai locali di conservazione al fine della verifica delle condizioni di conservazione da parte dell’assegnatario; di essere informati che le condizioni di affidamento, se non rispettate, determinano l’applicazione di sanzioni
Provvedimento sostituibile con una dichiarazione dell'interessato: No
Riferimenti legislativi (Normativa): Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria; L.R. n. 18 del 4 marzo 2010 "Norme in materia funeraria"; D.P.R. n. 285 del 10 settembre 1990 "Approvazione del Regolamento di Polizia Mortuaria"
Strumenti di tutela in favore dell'interessato Ricorso giurisdizionale, con l’obbligatoria assistenza di un legale, al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni decorrenti dalla comunicazione dell’atto oppure, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni decorrenti dalla comunicazione dell’atto.
Modalità di attivazione degli strumenti di tutela in favore dell'interessato Ricorso giurisdizionale, con l’obbligatoria assistenza di un legale, al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni decorrenti dalla comunicazione dell’atto oppure, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni decorrenti dalla comunicazione dell’atto.
Conclusione Con Silenzio Assenso: No
Pubblicato il 
Aggiornato il