AMBIENTE: Firmata la convenzione tra Comune, CAI e Natura e Vita per la gestione di due sentieri - Comune di Felino

archivio notizie - Comune di Felino

AMBIENTE: Firmata la convenzione tra Comune, CAI e Natura e Vita per la gestione di due sentieri

AMBIENTE: Firmata la convenzione tra Comune, CAI   e Natura e Vita per la gestione di due sentieri

 

FELINO | FIRMATA LA CONVENZIONE TRA COMUNE, CAI E NATURA E VITA PER LA GESTIONE DEI SENTIERI IL GIRO DEI MULINI E LA FORCA DEL CINGHIO.

La cerimonia si è svolta in Municipio sabato 29 maggio con i rappresentanti degli enti coinvolti.

 

Due nuovi sentieri per il trekking in mountain bike o a piedi saranno presto percorribili sulle colline di Felino. Si tratta di due percorsi ad anello, il Giro dei Mulini, da Felino a Poggio S.Ilario Baganza, e la Forca del Cinghio, da San Michele Tiorre a Barbiano.

 

Per la gestione di questi due nuovi percorsi, è stata firmata in Municipio a Felino nella mattinata di sabato 29 maggio una convenzione tra Comune di Felino, Cai sezione di Parma e associazione Natura e Vita, grazie alla quale i due sentieri ciclopedonali verranno opportunamente segnalati per poter essere fruiti in sicurezza dai tanti appassionati di trekking e mountain bike.

 

Alla presentazione del progetto, con contestuale firma della convenzione, erano presenti per il Comune di Felino il Sindaco Elisa Leoni con l’Assessore all’Ambiente Vincenzo Caccia e l’Arch. De Munari dell’Ufficio Tecnico, per il CAI il tesoriere Carlo Camillo Prosperi, per l’Associazione Natura e Vita il presidente Gabriele Pecorari insieme al consigliere comunale Luigi Fereoli, oltre a Roberto Capra e Priamo Dalcò, rispettivamente consigliere  e volontario dell’associazione.

 

“Durante la pandemia, le persone hanno ricominciato a camminare nei pressi di casa, riscoprendo percorsi di grande suggestione paesaggistica e, in alcuni casi, anche di rilevanza culturale. E’ importante che l’Amministrazione Comunale si occupi di valorizzare tali percorsi, creando partnership virtuose che consentano di segnalare adeguatamente le piste e creare le corrette condizioni di fruizione” ha dichiarato Elisa Leoni, prima cittadina di Felino, all’inizio della presentazione.

 

“La convenzione con il CAI – ha aggiunto Carlo Prospericonsentirà di standardizzare la segnaletica per rendere più semplice orientarsi e muoversi nei nuovi sentieri. Il contributo delle associazioni locali è fondamentale per il nostro lavoro, non solo per aprire i sentieri ma soprattutto per garantirne la cura nel tempo. La gestione dei sentieri impone, infatti, precisi iter tecnici e burocratici, come ad esempio l’acquisizione dei nulla osta dei proprietari dei terreni sui quali passano i percorsi. Pertanto è fondamentale stabilire con enti e associazioni locali quali sono gli obiettivi condivisi e le responsabilità di ciascuno”.

 

Il primo percorso, denominato Il giro dei Mulini (o Jungle trek dei Mulini), va da Felino a Poggio S. Ilario, passando lungo il torrente Baganza fino al Canale del Vescovo per raggiungere il Mulino Boschi, La Fabbrica, il Mulino Bandini, il Mulino Ortalli, La Resga e Il Maglio. Si tratta di un sentiero che presenta un dislivello di 110 metri e una lunghezza di 13,7 km.

 

Il secondo percorso è La Forca del Cinghio e va da San Michele Tiorre a Barbiano, via Tiorre, Casatico, il torrente Cinghio ed il lago Matteo. Questo sentiero è più ripido, con un dislivello di 420 metri, e ha una lunghezza di 12,5 km, attraversando anche il Comune di Langhirano.

 

Perché aprire nuovi percorsi?

 

A spiegarlo è Luigi Fereoli, consigliere comunale e membro dell’Associazione Natura e Vita: “il paesaggio naturale ed architettonico (colline, torrenti, carraie, siepi, canali, mulini) è un bene pubblico e a tutti deve essere accessibile. La conoscenza del territorio contribuisce a rendere ognuno di noi più consapevole del territorio in cui vive, ad apprezzarlo maggiormente e, pertanto, a difenderlo; inoltre, percorrere con lentezza il territorio può essere un’occasione di relazione sociale fisica, e non solo virtuale”.

 

Il Presidente di Natura e Vita, Gabriele Pecorari, sottolinea inoltre che “anche poeti come Attilio Bertolucci, autore della poesia “ Verso le sorgenti del Cinghio”, hanno enfatizzato la bellezza naturalistica e culturale delle nostre zone che pertanto vanno promosse e valorizzate. Ci attende un lavoro impegnativo, a livello burocratico e anche fisico, ma è importante offrire anche questo tipo di servizio all’intera comunità”.

 

In chiusura, l’Assessore Vincenzo Caccia ha messo l’accento sull’importanza di valorizzare i sentieri come pezzi fondamentali del nostro patrimonio culturale e paesaggistico anche tra i fruitori più giovani. “Per la sicurezza delle persone, soprattutto di coloro che non conoscono le nostre zone, i sentieri vanno segnalati secondo standard condivisi e inseriti in mappe di facile fruizione. Le associazioni e gli appassionati locali ci hanno aiutato tantissimo a tracciare e aprire i nuovi sentieri. Ora spetta a noi promuoverli il più possibile per far sì che anche i giovani locali,  possano percorrerli e scoprirli”.

 

Per completare l’iter burocratico di formalizzazione dei sentieri, l’Amministrazione Comunale ha inviato a tutti i proprietari una lettera di presentazione del progetto con contestuale richiesta di nulla osta. Nei prossimi giorni, l’Associazione Natura e Vita inizierà quindi a prendere contatti diretti con i proprietari per l’acquisizione delle liberatorie per poi procedere con le fasi successive di apposizione della segnaletica insieme al CAI.

 

 

Immagini

 

  

 


Pubblicato il 
Aggiornato il