CERIMONIALE: Conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto - Comune di Felino

archivio notizie - Comune di Felino

CERIMONIALE: Conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto

CERIMONIALE: Conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto

 

CERIMONIALE: CONFERIMENTO DELLA CITTADINANZA ONORARIA AL MILITE IGNOTO 

 

 

 

Grazie alla votazione unanime del Consiglio Comunale di Felino, nella mattina di mercoledì 8 settembre 2021 è stato sottoscritto il riconoscimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, iniziativa proposta dall’A.N.C.I. – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, su invito del Gruppo delle Medaglie d’Oro al valor Militare d’Italia 

 

All'atto della firma del riconoscimento da parte del Sindaco, ieri mattina nella sala consiliare del Municipio di Felino erano presenti i rappresentanti dell'Istituto Nazionale per la Guardia d'Onore alle Reali Tombe del Pantheon - Delegazione Provinciale di Parma, gli Alpini della sezione di Felino, un rappresentante del Corpo dei Granatieri, due rappresentanti del corpo dei Carabinieri e il sig. Ermanno Lori, autore dell'importante ricerca condotta insieme a Graziana Bottioni sui caduti di Felino intitolata "1915-1918 La Val Baganza con i suoi Caduti".

 

Questa proposta, nell’approssimarsi al centenario della traslazione del Milite Ignoto (4 novembre 2021), si prefigge di realizzare, in ogni luogo d’Italia, il riconoscimento della “paternità” del Soldato che per cent’anni è stato volutamente ignoto e che diventerà così Cittadino d’Italia, rientrando nella simbologia che appartiene alla nostra identità nazionale. L'adesione del Comune di Felinoall’iniziativa di conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, simbolo delle vittime di tutti i conflitti armati e monito delle coscienze a non ripetere gli errori del passato, intende rendere omaggio a quanti hanno dato la vita durante i conflitti armati del Novecento, lottando per la libertà, la democrazia e per il valore della fratellanza che, oggi più che mai, deve essere rinnovato e promosso soprattutto tra le nuove generazioni, richiamando anche i valori della Costituzione della Repubblica Italiana. 

 

 

  

 

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il